1. KG DIARY
  2. USA Races
  3. RALLY

KEVINGILARDONI.COM TORNA ON-LINE

"KG " VOLA NEGLI USA !

 

Como, 15 febbraio 2014

Cari amici, partners, fans, sostenitori e semplici visitatori dopo un periodo di “ under construction “, da oggi torniamo nuovamente on - line con un sito internet rinnovato e all’avanguardia, realizzato grazie alla collaborazione e all’esperienza di Chiodoni Luigi SA.

Durante tutto il periodo invernale abbiamo lavorato sodo per accaparrarci un sedile che rispettasse le nostre aspettative e, onestamente parlando, essere pilota del Max Papis Racing sulla Chevy #99 nella divisione Elite della NASCAR Whelen Euro Series, è un risultato ottimo e meritato.

Il 2014 si apre per me con una nuova grande sfida, chiamata USA e NASCAR, che affronterò con tutti i presupposti  e la voglia per fare del mio meglio.

Il mio programma prevederà alcune trasferte negli States e, la prima, partirà esattamente il 18 febbraio. Sarà un mese intenso, dove avrò modo di seguire le ultime fasi di montaggio della macchina, conoscere il team, l’ambiente e iniziare il programma di test pre – stagione.

Vorrei ringraziare vivamente chi mi ha supportato durante tutti gli anni della mia carriera e chi sta continuando a farlo, la mia famiglia in primis, i miei partners, i miei amici e i miei fans, oltre a Max Papis ovviamente, per la fiducia riposta in me.

Tra poco è ora di partire, per conoscere la mia nuova compagna di avventure, la #99, e per una nuova grande stagione all’insegna della passione e della velocità!

Seguitemi sulla mia pagina ufficiale di Facebook e Twitter per rimanere sempre aggiornati!

Al ritorno avrete un resoconto dettagliato!

Alla prossima, un abbraccio

 

KEVIN GILARDONI
# 99 Max Papis Racing

 

Keving Gilardoni corona con una top-5 la sua prima esperienza su ovale in America

Due top-10, una top-5, ottime prestazioni e soprattutto la consapevolezza di poter puntare in alto hanno caratterizzato la prima esperienza in gara di Kevin Gilardoni negli Stati Uniti al volante di una stock-car del Lee Faulk Racing e con l’importante sostegno di Max Papis.

Nel corso di meno di un mese, Gilardoni ha svolto alcune sessioni di test e disputato tre gare nella divisione Limited Late Models all’Hickory Motor Speedway, ovale da 0.363 miglia su cui hanno forgiato il proprio talento i migliori piloti americani e sede di uno dei campionati propedeutici più competitivi degli Stati Uniti. Questo primo stage, volto ad apprendere il più rapidamente possibile i segreti delle gare su ovale, ha confermato in pieno le doti di Kevin, che in una categoria particolarmente competitiva, sotto la guida di maestri esperti come Max Papis, Michael Faulk e Lee Faulk, ha mostrato progressi rapidi ed eccellenti: due ottavi posti nelle prime due gare si sono tradotti nella sua prima top-5 – nella gara di sabato 14 giugno – a coronamento di una prima fase estremamente positiva. Nella stessa giornata, Gilardoni ha fatto segnare anche il miglior tempo nelle libere e un sesto posto in qualifica molto positivo, se si tiene conto dell’inesperienza del ragazzo di Grandola ed Uniti su una stock-car in condizioni meteo mutevoli.

“Ogni volta che salgo in macchina va sempre meglio, è come se avessi iniziato a correre nuovamente da zero,” ha detto Kevin, che è il primo giovane pilota italiano a indirizzare la propria carriera nel mondo delle stock-cars negli USA dopo Papis. “A detta degli esperti stiamo facendo un lavoro eccellente, calcolando la mia inesperienza in questo tipo di corse e non posso che essere felice delle loro valutazioni”.

Le prestazioni offerte da Gilardoni in questo primo stint oltreoceano hanno entusiasmato anche Max Papis, il quale sta guidando il 21enne lombardo in questo cambio radicale di ambiente, che non riguarda soltanto quello che avviene in pista, ma anche tutto ciò che sta fuori. “Sono impressionato da come Kevin si sta adattando allo stile di vita e di corsa tipico degli Stati Uniti. I progressi che ha fatto fino ad oggi, in meno di un mese sono stupefacenti e finire nei primi cinque ad Hickory lo dimostra,” ha detto Papis. “C’è ancora tanto da imparare e da migliorare, ma mi sta dimostrando di avere l’attitudine giusta per poter emergere”.

Iniziata la stagione 2014 nella NASCAR Whelen Euro Series, Gilardoni e Papis hanno poi scelto di concentrare gli sforzi direttamente sul versante americano e sugli ovali, affidando la preparazione di vettura e pilota alle sapienti mani della famiglia Faulk una vera istituzione nell’ambito della formazione sugli ovali.

“Siamo tutti molto entusiasti di lavorare con Kevin. E’ davvero un ottimo ragazzo e ha una grande capacità di ascoltare e applicare in pista quello che ha imparato,” ha detto Michael Faulk, team manager del Lee Faulk Racing. “Non ci sono dubbi sul fatto che questo è solo l’inizio per lui e siamo fiduciosi che potremo condividere importanti successi a breve”.

Il programma di Gilardoni prevede ora un impegno rallistico in Italia, per poi riprendere negli Stati Uniti nel mese di agosto, con l’intenzione di mantenere il ritmo dei progressi fin qui evidenziati e fare ogni giorno meglio del precedente. 

________________

Kevin Gilardoni: “Sono molto soddisfatto di come stiano andando le corse qui. Ho effettuato il mio debutto assoluto su ovale all’Hickory Motorspeedway, durante il mio primo giorno di test, il 22 maggio scorso, passando poi debutto assoluto in gara il 31 maggio. Lo stile delle corse su questo tipo di circuiti è completamente diverso da quello a cui sono sempre stato abituato, ma dai risultati che abbiamo ottenuto si capisce che ci stiamo abituando molto in fretta. Dopo due top-10 – due ottavi posti per l’esattezza – nelle mie prime due gare, abbiamo fatto un grande passo avanti. Nell’ultima gara sono stato il più veloce nelle prove libere, ho ottenuto un ottimo sesto posto in qualifica e la mia prima top-5 in gara! Per la prima volta mi sono trovato a dover interpretare il circuito che cambia molto in base alle condizioni meteo e per questo non abbiamo disputato una qualifica ottimale, ma sono fattori che imparerò a gestire soltanto facendomi esperienze come queste! Ho corso side by side e sorpassato con aggressività, sono davvero molto contento di quanto dimostrato. Ogni volta che salgo in macchina va sempre meglio, è come se avessi iniziato a correre nuovamente da zero! Non ho mai avuto uno spotter, una persona che ti dice cosa devi fare e ti parla ogni singolo secondo della corsa. Devi rimanere concentrato su quello che stai facendo e ascoltare quello che ti dice. Potrebbe sembrare semplice, ma non lo è assolutamente. Con il Lee Faulk Racing stiamo lavorando bene per permettermi di imparare il maggior numero di cose nel minor tempo possibile: Lee e Michael sono due grandi maestri e due ottime persone. Avere al mio fianco un consigliere e un amico come Max Papis mi è molto d’aiuto, è un’occasione unica e devo ritenermi orgoglioso e fortunato che sia capitata a me. E’ un grande pilota e un grande uomo, questo ti stimola a fare sempre meglio! A detta degli esperti stiamo facendo un lavoro eccellente, calcolando la mia inesperienza in questo tipo di corse, e non posso che essere felice delle loro valutazioni! Sapere poi che mi sto creando anche il mio tifo americano mi fa molto piacere, vedere persone in tribuna venute apposta per tifare per te è fantastico! Lunedì tornerò in Italia per partire con la mia nuova esperienza rallistica, ma farò ritorno negli States ad agosto per continuare il nostro programma. Non è per niente facile stare parecchio tempo da soli lontano da casa e vorrei ringraziare tutti coloro che mi sono sempre stati vicini, i miei partners che mi supportano anche oltre oceano, la mia famiglia per l’aiuto, e tutti i fans, europei e americani che, anche con un semplice messaggio, ti fanno capire e realizzare sempre di più ciò che stati facendo! Sono orgoglioso di poter essere il primo giovane pilota italiano, diversi anni dopo Max Papis, a poter calcare questi circuiti e vivere questo mondo!”

 


Keving Gilardoni wraps up his first American stint with a top-5

Two top10s, one top-5, very good performances and above all the awareness of his possibilities highlighted Kevin Gilardoni’s first experiences in the US – with Max Papis’ fundamental support – at the wheel of a stock-car fielded by Lee Faulk Racing.

In less than a month Gilardoni took part in some test session and raced three times in the Limited Late Models division on the .363 miles of the Hickory Motor Speedway. This first period’s goal for Kevin was to learn as quickly as possible the secrets of oval racing and the young Italian driver confirmed his talent under the guidance of experts like Max Papis, Lee Faulk and Michael Faulk, making huge strides and showing a consistently fast pace: two eight places in the first two races became a his first top-5 in the Saturday June 14 race, wrapping up a very positive first stint. On the same day, Gilardoni also set the best time in practice and posted a good sixth time in qualifying, despite his lack of experience in a stock-car with changing weather conditions.

“Every time I jump in the car I’m making progresses, it’s like I started racing all over again,” said Kevin, who is the first Italian young drives to pursue a career in stock-car racing in the US after Papis. “According to the experts we’re doing an excellent job considering my inexperience in this kind of races and I can’t but be happy of their opinion”.

Max Papis, who is guiding and supporting the Italian’s radical career change, was impressed by Gilardoni’s performances in this first stint overseas and by his attitude outside the car: “I’m impressed by how Kevin is adapting to the American way of racing and living. He made huge progresses in less than a month and the top-5 at Hickory is there to demonstrate how committed he is,” said Papis, who is the European driver with most starts in NASCAR. “There is still a lot to learn and to improve, but he’s showing me has the right attitude to emerge”.

After starting the season in the NASCAR Whelen Euro Series, Gilardoni e Papis choose to concentrate their efforts on the American side, entrusting the expert hands of the Faulk family to prepare both car and driver to race on ovals.

“We are all very excited to be working with Kevin. He’s a really good kid overall and has a great ability to listen and apply what he learns to the track. There's no doubt this is only the beginning for him and we look forward to sharing in the success with him for the near future ."” said Michael Faulk, Lee Faulk Racing’s Team Manager.

Gilardoni’s plans now include a rally program in Italy and a return in the States in August to keep progressing and do every day a better job to emerge in stock-car racing.

 

________________

Kevin Gilardoni: “I’m really satisfied with my first stint in the US. I debuted on oval at Hickory Motor Speedway on May 22 for my first test session, racing for the first time on May 31. Racing here is very different from what I was used to, but looking at results it seems that we’re making good strides. I had to adapt to a changing track for the first time and that kind of spoiled our qualifying session a little bit, but to perform at my best in those situations I will need more experience. I raced side by side, overtook on the outside and demonstrated what I can do, so I’m pretty happy. I never had a spotter and it is not as easy as seems for a European driver. We’re working very well with Lee Faulk racing to learn as quickly as possible: Lee and Michael are great teachers and awesome persons. Having Max Papis on my side is fundamental. It is a unique occasion and I feel proud to be in this position. He’s a great driver and a great man and he’s an example for me! It is also fantastic to know that I’m building my American fanbase. Seeing people in the grandstands rooting for me is awesome! Living far from home for so long is not easy and I want to thank with all my heart all the people that are supporting me in this new adventure: my partners, my family and all the fans, European and American. I’m proud to be the first young Italian driver to follow Max Papis’ path, to drive on this awesome tracks and to live this new adventure.”

RALLY DEL TICINO: DEBUTTO ECCEZIONALE PER GILARDONI - ZOLLINGER

Secondo posto di classe con vittoria della PS2 “ Isone “ e 24esimo assoluto al debutto per il giovane equipaggio

Quando debutta in qualcosa e lo si vede in azione, lo fa senza lasciare nulla al caso. Lo dimostra il debutto al primo vero rally su strada, avvenuto col Rally del Ticino che, nonostante le ostiche condizioni meteo, ha regalato grandissime emozioni e soddisfazioni! Si è trattata della prima volta per diversi aspetti, primo rally su strada per Gilardoni, primo rally insieme per l’equipaggio, nonché prima gara per Claudia a bordo di una Renault Clio R3C, insomma, un debutto globale che non poteva avere risultati migliori! Sempre a bordo della velocissima Renault Clio R3C di GimaAutosport, squadra di fiducia per Gilardoni e di primo livello nel panorama italiano ed europeo, ha avuto inizio il rally che, come di consueto, ha preso il via presso il centro della città di Lugano, nella serata di sabato! Domenica mattina i motori hanno iniziato a scaldarsi e, dopo la prima prova speciale “ Valcolla “, dove l’equipaggio si è mostrato subito competitivo cogliendo un buon terzo tempo di classe, l’apice è arrivato con la vittoria nell’ostica prova di “ Isone “, con asfalto bagnato e sporco, un gran mix d’insidie. Da li in poi è stato un registrarsi di tempi di assoluto rilievo che, con grande costanza, hanno portato l’equipaggio a concludere al secondo posto di classe! Un debutto davvero da incorniciare per questa giovane coppia che, buttate le prime basi, ha come obiettivo quello di crescere insieme e di ottenere risultati sempre migliori, certi del proprio potenziale ma con la voglia sempre di imparare! Prossimo impegno per Gilardoni – Zollinger sarà il 4° Rally Ronde Aci Brescia in programma per il prossimo 2-3 agosto, sempre con Renault Clio R3C di GimaAutosport!

Kevin Gilardoni: “ Sono estasiato dal debutto che siamo riusciti a fare! Lanciato per la prima volta in questo ambiente, direi che mi sono trovato subito a mio agio, come dimostrano anche i risultati. È stato tutto nuovo per me, le condizioni meteo non ci hanno aiutato, ma d’altra parte abbiamo avuto modo di imparare molte cose in un solo giorno. Il risultato globale del rally è stato molto positivo, ma essere riusciti a vincere anche una prova è stata una grande soddisfazione che ci ha dato maggior motivazione. Devo ringraziare sicuramente la mia navigatrice Claudia, con la sua esperienza mi ha aiutato davvero tanto ad amministrare ogni situazione, abbiamo avuto fin da subito un ottimo feeling nonostante alle spalle avessimo soltanto un giorno di test, abbiamo fatto davvero un ottimo lavoro e la ringrazio per la fiducia riposta in me, sono sicuro che l’intesa, fondamentale in questo campo, migliorerà sempre di più, anche se ci siamo capiti fin da subito. GimaAutosport che, come al solito, mi ha fornito una macchina perfetta ed un’assistenza top. I miei partners, senza di loro certe cose non sarebbero fattibili, oltre alla scuderia Easy Races. La mia famiglia, sempre presente, per la prima volta non mi ha seguito tra le curve di una pista ma tra quelle di una comune strada.Tutti gli amici presenti in prova ad aiutarci e ovviamente tutti i tifosi accorsi per sostenerci. Sono consapevole che questo è solo l’inizio e che davanti a noi c’è ancora tanta strada da fare e molte cose da imparare, ma siamo certi che, continuando a lavorare sodo con questo gruppo di persone, cresceremo molto in fretta. Adesso un attimo di pausa e poi di nuovo al lavoro, non vedo l’ora di tornare in macchina tra meno di un mese! “

Claudia Zollinger: “ Il 17° Rally del Ticino è stato il nostro campo di battaglia! Al debutto insieme nell'abitacolo di una Renault Clio R3C, Kevin si è trovato per la prima volta in una Prova Speciale di un rally su strada, non più su pista come è sempre stato abituato, ed ha dovuto confrontarsi con il meteo non troppo favorevole che, cambiando continuamente, ha reso un terno al lotto la scelta delle gomme. Inoltre, come un rally su strada vuole porsi, ha dovuto inquadrare una nuova traiettoria dove sul ciglio della careggiata ci sono solo rail, rocce, sassi e terra, cose che in pista sono praticamente inesistenti. Kevin è stato molto bravo ad adeguarsi da subito alle condizioni presentate! Da quando mi ha proposto di affiancarlo in questo programma, non abbiamo avuto modo di passare molto tempo insieme, in quanto era occupato a correre oltreoceano con il programma NASCAR e, dopo un solo test con la nostra squadra, ci siamo presentati al via. L'affiatamento tra l'equipaggio è molto importante, bisogna fidarsi uno dell'altro e lavorare costantemente in sintonia ma, visti i risultati, possiamo dire che non abbiamo riscontrato grandi problemi, avendo avuto fin da subito un buon feeling che, sicuramente, migliorerà ad ogni gara. Personalmente, sostengo che gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti, Kevin ha capito e provato il significato di un vero rally, l’affiatamento tra noi è stato molto buono, con le note siamo a buon punto e, fattore molto importante, abbiamo portato la macchina alla fine sulla pedana d’arrivo in perfetto stato e nelle zone alte della classifica, cogliendo un meritatissimo secondo posto di classe! Benvenuto nel mondo dei rally Kevin, tra poco si torna in macchina! “